IMG-20140410-WA0004Torre Ferrantina è una tenuta di campagna ubicata nel Salento: è composta da una villa gentilizia dell'ottocento situata in un parco all'italiana e circondata da terreni destinati ad uso agricolo.

La struttura sorge nella Valle della Cupa, nel cosiddetto feudo nobiliare di Lecce, ove le famiglie dell'aristocrazia della città, hanno costruito, nei secoli, le proprie dimore di campagna, luoghi in cui sovrintendere ai lavori agricoli estivi sino alla vendemmia e trascorrere piacevoli ore di ozi intellettuali e riposi fisici. Tali residenze erano infatti denominate "casini per lo commodo dei proprietari". Si definiva, nei secoli addietro, con il termine "casino" la struttura residenziale vera e propria definendosi con il termine di "villa" viceversa, l'estensione di terreno che quella circondava. Infatti nelle vecchie mappe catastali questo fabbricato è ancora indicato come "Casino Ferrantina".

IMG 20140425 080939

La tenuta sorge a sei chilometri dal centro storico della città e dista circa due chilometri dagli svincoli delle tangenziali di Lecce, Est verso Otranto, Gallipoli e Santa Maria di Leuca, ed Ovest verso San Cataldo e le altre marine della città, facilmente raggiungibili in meno di quindici minuti.

Dalla parte agricola si possono raggiungere per gli amanti del cicloturismo vari percorsi appositi che attraversando le campagne circostanti, toccano i piccoli centri limitrofi.

Per chi preferisse lasciare la propria auto nel posteggio della nostra struttura e muoversi senza avere i fastidi della guida, o ci avesse raggiunti in treno, ad appena 50 metri dagli ingressi della tenuta è collocata la fermata dell'autobus per il centro della città e la stazione ferroviaria da dove si possono comodamente prendere, a costi contenutissimi, tutti i mezzi pubblici per raggiungere qualunque delle mete turistiche e balneari della penisola Salentina: da Gallipoli a Santa Maria di Leuca, ad Otranto.

Il parco all'italiana che circonda la villa ha una superficie di circa un ettaro e confina con una zona agricola al di là del parco, con frutteto, vigneto ed uliveto, percorso da un viale che collega la villa all' ingresso della tenuta riservato ai gentili ospiti.

1004779 10200940000455624 1369604377 nLe aiuole sono recintate da bossi ornamentali e piantumate con palme e pini secolari. Tra di esse si snodano viali pavimentati in cotto e scalinate in pietra leccese. Alcune fontane e vasche definiscono le zone di sosta all'interno dei percorsi: la principale, detta la vasca della "torretta del belvedere", e' popolata da piante acquatiche, da carpe ed altre specie di pesci ornamentali d'acqua dolce. Il parco è, tra l'altro, per la quiete e l'abbondanza di acqua che ivi esiste un luogo di dimora e ripopolamento privilegiato di diverse specie di uccelli di tipo stanziale e migratorio.

La villa ha una superficie di circa 1000 mq disposti su due livelli ed ospita al piano terra le suite sinora utilizzate, dalla famiglia proprietaria che tutt'ora la abita, per ospitare parenti ed amici, ed attualmente destinate all'attività di b&b. La struttura prende il suo nome da una antichissima torre di segnalazione attorno alla quale fu edificata la dimora gentilizia. La storia di casa vuole che essa facesse parte di una serie di torri sulle quali veniva accesso il fuoco, di torre in torre in un percorso che arrivava dalle coste salentine a Napoli, allora capitale del regno delle Due Sicilie, per avvisare il re dello sbarco dei Turchi.

I proprietari che la abitano, hanno deciso di aprire la struttura a quanti desiderano trascorrere una vacanza rilassante in campagna, nell'eleganza di un luogo esclusivo, con la cortesia ed i modi del "vivere gentile".

Loading...
Loading...